mercoledì 21 ottobre 2009

Religioni antiche: Il Libro dei Morti Egizio


In questi giorni con gli alunni di prima abbiamo parlato degli egizi e della loro reliigone. Ci siamo soffermati con alcune classi con particolare attenzione sul libro dei morti. Ecco un approfondimento. Nei prossimi giorni pubblicherò un riassunto del viaggio dell'anima nell'aldilà egizio.

Il Libro dei morti, chiamato dagli antichi egizi Libro del ritorno nel giorno, era un papiro sul quale gli antichi egizi scrivevano in geroglifico formule magico-religiose che dovevano servire al defunto nel suo viaggio nell'aldilà, per consentirgli di "vivere" ancora nel mondo ultraterreno.

Si tratta, generalmente, di formule e di racconti incentrati sul viaggio notturno del Dio sole (nelle sue diverse manifestazioni) e della sua lotta con le forze del male (tra cui il serpente Apofi) che tentano, nottetempo, di fermarlo per non farlo risorgere al mattino.

In particolare il testo doveva servire a preparare la testimonianza sulla sua condotta in vita, che il defunto doveva fornire davanti al giudizio di Osiride. Il papiro era poi posto nella tomba, o a volte direttamente nel sarcofago, assieme ai tesori e alle suppellettili ritenute necessarie per l'anima in viaggio.

Inizialmente i testi venivano tracciati sulle pareti della camera sepolcrale. Nel Medio regno si usò dipingere i geroglifici sul sarcofago, e solo a partire dalla XVIII dinastia si impiegarono i papiri.

Fonte: Wikipedia

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...