venerdì 1 novembre 2013

L'umanità fa schifo? Non ci credo!

Perchè un titolo così brutto? Ma perchè è un po' di tempo che sono scioccato dal sottotitolo di un programma di MTV : FUORI FRIGO. L'ho visto facendo zapping tra i canali. Dato che mi piacciono i programmi tipo Paperissima, dove dei filmati amatoriali fanno vedere cose stupidissime che possono capitare a tutti, mi sono fermato a guardarlo. Lo so, anche in me e forse in noi tutti c'è un pizzico di "sadismo": ridiamo delle piccole disgrazie altrui... Ma sono solo piccole cose innocenti: il bambino che sputa la minestra, l'uomo che taglia un ramo e non si accorge che così cade anche lui... o meglio ancora, i miei preferiti sono quelli con gli animali... Bene ma qual è stata la mia sorpresa più grande? Non tanto le volgarità con cui tre adulti infarciscono ogni scena, ormai parolacce e oscenità se ne sentono dappertutto, ma ciò che mi ha colpito di più è stato il sottotitolo: L'UMANITA' FA SEMPRE PIU' SCHIFO!
Cosa? Non ci posso credere... sarà pure un programma comico Ma le parole pesano...
Dato che non sono d'accordo, non ho ancora protestato con l'emittente televisiva, ma ho intenzione di farlo (è vero che non so bene come fare, ma un modo lo troverò!), per ora mi accontento di controbattere con alcuni video, sono prodotti di quest'umanità che invece è proprio bella, magari non proprio tutta... Lo so sono video pubblicitari, ma sono fatti per delle buone cause... creati per raccogliere fondi in favore di progetti umanitari. Non so... sapere che sono prodotti da paesi non europei mi fa bene all'anima... L'UMANITA' E' PROPRIO GRANDE! Vabbè almeno la maggior parte...
Guardate...





mercoledì 13 marzo 2013

Que viva el papa! - Papa Francesco, un pontefice Argentino

Caro Papa Francesco,
che bel nome hai scelto... e che coraggio hai avuto, un taglio netto con la tradizione, un nome completamente nuovo: a capo della più grande Chiesa Cristiana del mondo un uomo con il nome del poverello di Assisi.
Mi ha colpito subito la tua semplicità nel parlare, ho pensato al motto evangelico "Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no" (Mt 5,37).

Il Conclave - Come si elegge un papa?








Fonte: Vatican Insider - La Stampa

domenica 17 febbraio 2013

Aquileia, la basilica costantiniana


AQUILEIA. La Basilica costantiniana di Aquileia rivive grazie ad una ricostruzione virtuale in 3D che da oggi è visibile sul canale YouTube e sul sito internet della Fondazione Aquileia (www.fondazioneaquileia.it), oltre che sul nostro sito, qui sotto. Il video è anche protagonista della mostra “Costantino 313 d.C” a Palazzo Reale di Milano, progettata e ideata dal Museo Diocesano di Milano e curata da Gemma Sena Chiesa e Paolo Biscottini, che celebra l’anniversario dell’emanazione dell’Editto di Costantino nel 313 d.C. La ricostruzione della Basilica in epoca costantiniana è stata realizzata da Altair4 per la Fondazione Aquileia grazie al contributo del Ministero e con la collaborazione della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia e dell’Arcidiocesi di Gorizia. «Il lavoro di ricostruzione virtuale del complesso teodoriano – sottolinea il presidente della Fondazione, Alviano Scarel - rappresenta una delle modalità che le nuove tecnologie ci offrono per far capire meglio ai visitatori come si presentavano i grandi edifici della città antica. Il più importante sito archeologico dell’alta Italia deve presentarsi come elemento attivo nella diffusione della cultura». Aggiunge il direttore, Gianni Fratte: «Abbiamo aderito subito alla proposta di partecipare alle celebrazioni costantiniane a Milano e ci è sembrato giusto rendere omaggio ad uno dei luoghi di culto costantiniani meglio conservati. Abbiamo così anticipato le celebrazioni dell’Editto che nel 2013 si sposteranno ad Aquileia». L’archeologo Cristiano Tiussi sottolinea che la ricostruzione virtuale si fonda su dati scientifici. “Per quanto frammentari – precisa - derivano da fortunate coincidenze, e, in particolare, dalla modalità di demolizione delle strutture avvenuta a partire dalla metà del IV secolo, quando le aule di culto della Basilica erano diventate insufficienti a contenere la comunità cristiana di Aquileia. I resti trovati nel corso degli scavi di fine Ottocento e primo Novecento concorrono a delineare quasi nella sua completezza la fisionomia architettonica del complesso: le strutture murarie, i mosaici pavimentali e i lacerti di decorazione parietale». Stefano Moretti di Altair4, fa sapere che l’architettura è stata ricostruita sulla base degli elementi superstiti e dei rilievi planimetrici, mentre per le strutture circostanti (horrea e domus) si è operato per analogie in relazione allo sviluppo planimetrico derivante dai rilievi. “Per gli interni – afferma Moretti - la ricomposizione degli affreschi parietali è stata realizzata per estensione e completamento della fascia inferiore superstite che ci ha restituito la metrica dei moduli e l’alternanza dei temi e dei colori, allo stesso modo in cui la ricomposizione dei motivi architettonici nella fascia sommitale ha seguito gli stilemi classici delle pitture con elementi e proporzioni ricavate dai lacerti di trabeazione superstiti. Nella ricostruzione degli elementi musivi delle pavimentazioni si è operato per similitudine con gli elementi tuttora presenti in situ ricostruendo un fotopiano ad altissima risoluzione formato da decine di fotografie dei singoli riquadri».
Fonte: L'Espresso

lunedì 11 febbraio 2013

Benedetto XVI lascia il Pontificato

Sconcerto per le dimissioni che il nostro Papa Benedetto XVI ha annunciato questa mattina al Concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto.
Ora per la Chiesa si prospetta un periodo di attesa. Attesa per la convocazione del Conclave e attesa per l'elezione. E' la prima volta in tanti secoli (fatta salva l'esperienza medievale con Celestino V) che un Papa decide di lasciare il suo ministero prima della propria morte.  Impareremo a convivere con l'idea di un Papa Emerito (come vengono chiamati i vescovi in pensione che rimangono presso la Diocesi in cui hanno svolto il loro ministero).
Ancora una volta il Papa, grande teologo, ha saputo mostrarci un volto nuovo della Chiesa: il volto di chi sa che non si possono affrontare le grandi sfide della modernità se il fisico non regge. Se da Giovanni Paolo II abbiamo appreso, per mezzo della fragilità dei suoi ultimi anni, la dignità della vita anche nei momenti di maggiore difficoltà e sofferenza, da Benedetto XVI possiamo apprendere la dignità di chi di fronte alla fragilità sceglie di lasciare il passo a chi ha più forza.
E' stato comunicato anche che vivrà i suoi prossimi anni in Vaticano, presso l'ex convento di clausura, ora in restauro.  Penso che Papa Ratzinger avrà ancora molto da insegnarci, ma, d'ora in poi, lo farà sicuramente   di nascosto, umilmente,  in punta di piedi, per non disturbare la figura nascente di colui che sarà il nuovo inquilino dei Sacri Palazzi di Roma.

lunedì 21 gennaio 2013

La Nuova Guida del Pellegrino sfogliabile online!

Dal sito Peregrinatio Terrae Sanctae pubblichiamo l'avviso che una nuova guida sul Santo Sepolcro, moderna e accattivante è stata messa addirittura on line. Qui di seguito l'articolo con il quale il sito la pubblicizza. Può essere utile sia per la cultura personale che per eventuali ricerche da fare con i ragazzi a scuola.
 "Siamo lieti di presentarvi la Nuova Guida del Pellegrino: il Santo Sepolcro. La guida si presenta con un'ottima grafica ed impaginazione. Ripercorre la storia della Basilica del Santo Sepolcro fin dalle sue origini Bizantine, descrivendo successivamente il periodo crociato, fino ad arrivare ai cambiamenti (per quanto piccoli) dei giorni nostri. Il progetto è stato sviluppato e realizzato dall'Associazione Pro Terra Sancta, l'organizzazione non governativa al servizio dei frati francescani Custodi di Terra Santa, in sinergia con l'Ufficio Pellegrinaggi Custodia Terra Santa."
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...